CategoriesMadagascar

ETNIE, POPOLI e TRADIZIONI.

Nosy Be e’ abitata dal popolo Sakalava, una delle 18 etnie presenti in tutto il Madagascar.

Ritenuta la piu importante delle tribu del Madagascar.

La gente sakalava vi accogliera e trascinera tra sorrisi, feste a ritmo di salegy e innumerevoli tradizioni.

La fusione delle razze provenienti dall’occidente e oriente ha dato origine a 18 tribu che si differenziano in alcuni casi in modo molto netto, altre per i tratti soaticie stile di vita.

In tutto il Madagascar anche se e’ diventata una Repubblica vige ancora molto fortemente l’attaccamento alla propria tribu e al proprio Re.

Le varie etnie presenti in Madagascar sono:

1. ANTAIFASY gli abitanti della sabbia e seppelliscono i morti nelle foreste. Costa Sud Orientale. Nei pressi di Fort Dauphin.

2. ANTAIMORO quelli della costa. Costa sud Orientale. Crearono la prima carta utilizzando la fibra di una pianta.

3. ANTAISAKA costruiscono una seconda porta all’interno della propria abitazione per lasciare spazio alla morte. Regione Nord di Fort Dauphin.

4. ANTANKARANA quelli delle rupi. Originari di Cap D Ambre. Dedicano la loro vita alla pesca e alla pastorizia.

5. ANTAMBAHOAKA quelli della comunita, sono legati a credenze e abitudini musulmane. Regione di Mananjary.

6. ANTANDROY quelli che abitano nelle spine. Vivono nell’estremo sud. Sono i guardiani per eccellenza di zebu e sono famosi per gli atti di stregoneria. Particolari riti funebri li rendono celebri.

7. TANOSY O ANTANOSY quelli dell’isola. Abitano attorno alla cittadina di Fort Dauphin. Abili fabbri e carpentieri.

8.BARA nome di origine bantu’ ma dal significato sconosciuto. Feroci guerrieri, per dimostrare la loro forza praticano il furto degli zebu ritenendo la cosa molto virile. Abitano sugli altopiani.

9. BETSILEO detti invincibili. Il sottogruppo dei Betsileo sono i Zafimaniry abilissimi intagliatori che vivono a est della citta di Ambositra. Praticano la riesumazione dei morti.

E il loro villaggio insieme alla loro arte è stato ritenuto patrimonio dell’Unesco.

10. BETSIMISARAKA gli inseparabili. Vivono su palafitte e case costruite sugli alberi, coltivatori di caffe, canna da zucchero e chiodi di garofano. E’ la seconda tribu piu numerosa di tutto il Madagascar.

11. BEZANOZANO quelli con molte piccole trecce, riconosciuti per il loro modo di portare i capelli, abitano lungo il fiume di Mangoro nei pressi di Antananarivo.

12. MAHAFALY creatori di tabu sono ritenuti le tribu piu saggi.

Hanno pittoresce tombe abbellite con intagli di legno, pitture e corna di zebu’.

13. MERINA quelli degli altopiani. Vivono vicino alla capitale di Antananarivo e sono detti anche i piu’ potenti. Hanno spesso lineamenti asiatici.

14. SAKALAVA gli abitanti delle valli lunghe, sono la tribu piu importante di tutto il Madagascar. Occupano quasi tutta la parte del territorio ad ovest. Di pelle scura misuravano il loro potere in base agli schiavi che possedevano.

15. SIHANAKA quelli che errano nelle paludi sono dediti alla pesca e alla coltivazione del riso.

16. TANALA gli abitanti della foresta, vivono vicino al parco Ranomafana. Incendiano ampi spazi di foresta per poi coltivare caffe.

Lasciano i loro morti all’aria aperta per piu’ di un mese.

17. TSIMIHETY color che non si tagliano mai i capelli, sono pastori e coltivatori di riso.

18. VEZO detti i nomadi del mare, e’ l’unica tribu’e non pratica la circoncisione. Sono abilissimi pescatori e vivono nel sud ovest del Madagascar.

LA RELIGIONE VISTA DAI MALGASCI.

Circa la meta’ della popolazione pratica la religione tradizionale che unifica l’unione del vivo con gli antenati.

La considerazione per gli antenati viene dimostrata anche attraverso i fady, tabu che vengono imposti durante e dopo la vita di chi li stabilisce.

Inoltre il sacrificio dello zebu viene fatto proprio per onorare gli antenati.

In Madagascar vi sono diverse religioni.

Cattolica, Aminista [ cultura e rispetto per gli antenati] e musulmana.

Nelle loro tradizioni sono presenti in modo molto vivo il culto degli antenati appunto, il funerale in se che rappresenta un passaggio dalla vita alla morte e ovunque e’ accompagnata da una complessa ritualita.

Uno degli esempi piu ecclatanti e’ il funerale delle tribu ANTANDROY E MAHAFALY che danzano trasportando il defunto, scuotendo la bara, e sacrificando un certo numero di zebu.

La cerimonia si protrae per diversi giorni e diverse notti , a volte, anche diverse settimane, e si conclude con un pasto in cui si mangia la carne degli animali sacrificati.

Da non dimenticare il rituale della cerimonia del disseppellimento, degli stregoni e sciamani, della credenza sull’astrologia, delle leggi dei fady e dei tabù dettati dagli antenati,e infine del rituale complesso e collettivo della circoncisione.